Già lo so. Da Santo Stefano al 29 dicembre avrete la panza talmente piena che niente e nessuno vi convincerà ad alzare il vostro deretano dall’amato divano. E ci sta, io sono con voi. L’altra certezza è che, come da tradizione, partirà la maratona di film tra le varie piattaforme di streaming nei pomeriggi cozy sotto la copertina. 

Se siete stanchi dei soliti film di Natale, ecco qui la mia personalissima guida di movies che con le festività non c’entrano nulla, ma meritano certamente la vostra attenzione. Anche se li avete già visti. 

Ah, dimenticavo: i film in lista sono 10 (+1) e ognuno di essi è abbinato ad una delle rubriche di Wheelz 😎 Enjoy!

Skate Culture

All The Streets Are Silent

Lords of Dogtown è sicuramente il film cult sulla skate culture: Anni 70, California e la nascita di un movimento che ha segnato intere generazioni. Ma no, non è il film che vi consiglierò. Facciamo un salto nel decennio successivo e spostiamoci dall’altra parte della costa, a New York, dove tra il 1987 e il 1997 quella sottocultura è nata e si è espansa fino a diventare mainstream, mescolandosi con quella hip-hop.

Dai primi skater cacciati dai locali fino al momento in cui, raccontano i protagonisti stessi, era possibile girare per New York e incontrare persone che con loro non avevano nulla a che fare, ma giravano per la città in streetwear proveniente dalla skate culture. All The Streets Are Silent è un documentario di Jeremy Elkin ricostruito con materiale audiovisivo originale e amatoriale.

Guarda su Prime VideoGuarda su Youtube
Music Culture

Sid & Nancy

Avrei potuto citare mille film, a partire dai più recenti Rocketman, The Dirt o Bohemian Rhapsody. Ma nella mia lista non poteva mancare una storia d’amore. Tragico, straziante e fuori dagli schemi. Sid & Nancy è il film perfetto: lui bassista dei Sex Pistols, interpretato da Gary Oldman, lei groupie, e la lovestory che ha ucciso entrambi attraverso un circolo tossico di emotività brutale, disprezzo sociale e solitudine paranoica. Un biopic nudo, crudo e sincero ma estremamente poetico.

Guarda su Plex
motorculture

Biker Boyz & Veloce come il vento 

Maledizione, di film sulla Motor Culture ce ne sono veramente troppi. E dato che li avrete sicuramente visti già tutti, vi sfodero due proposte agli antipodi.

Sul fronte motociclistico, Biker Boyz “is always a good idea”. L’allure del biker duro e puro, le sportivone di fine anni ‘90, le gare clandestine e… il finale dal cuore tenero. 

Guarda su Prime Video

Passando alle auto, vi voglio con il pacchetto di fazzoletti vicino al divano. È tempo di emozioni strappa lacrime. Dramma nostrano liberamente ispirato alla vita del pilota di rally Carlo Capone, Veloce come il vento racconta la storia di una giovane pilota del campionato italiano GT e del suo rapporto con il fratello Loris, interpretato da Stefano Accorsi, un tempo grande pilota e ora tossicodipendente.

Guarda su NetflixGuarda su Prime Video
Art Culture

Velvet Buzzsaw

Lo troverete catalogato come horror, ma fidatevi: non è minimamente paragonabile a un film dell’orrore. Questo thriller con due gocce di supernatural è incentrato sulla scena artistica contemporanea di Los Angeles e unisce l’immagine di una società moderna nichilista, dove è l’élite a muovere le fila dell’arte e degli artisti, all’immagine più pura dell’arte intesa come espressione di un sentimento. Sarà proprio questa la “forza soprannaturale” assetata vendetta nei confronti di chi ha sfruttato l’arte per fini commerciali. Nel cast stellare, troviamo Jake Gyllenhaal, Rene Russo, Toni Colette e il buon John Malkovich.

guarda su Netflix
Tattoo Culture

Memento

Assolutamente un cult del nuovo millennio. Un giallo-psico-thriller-poliziesco che racconta l’inarrestabile ricerca, da parte di Leonard Shelby (interpretato da Guy Pearce), dell’assassino di sua moglie. Ma hey, lui soffre di amnesia anterograda, quindi la sua memoria a breve termine non collabora in alcun modo all’impresa. Ma Leonard ha una missione da compiere, quindi trova una soluzione tanto estrema quanto efficace: tatuarsi tutti gli indizi sulla pelle, così da non dimenticare. Il film è stato vincitore agli Oscar, Golden Globe e al Sundance Film Festival e merita certamente un posto nella movie-list di Natale. 

guarda su nowtv
Move

On the Road

Un film sul tema del viaggio è sempre d’obbligo in una lista. Sarò sincera, di primo slancio avrei voluto consigliarvi Paura e delirio a Las Vegas. Ma poi ho pensato che il viaggio psichedelico poteva essere sostituito da qualcosa di più intellettuale e quindi voilà, flambé, vi presento un bel On the Road. Sì sì, avete indovinato, proprio quel On the Road, tratto dal romanzo di Kerouac e che riporta a galla l’immaginario caro all’adolescenza di (quasi) tutti noi: la Beat Generation, i viaggi senza meta nelle lande americane, la libertà.

Guarda su prime video
Style

Risky Business

Non film sulla moda, ma film che hanno lanciato tendenze. E beh, scusatemi, ma l’attore che si trova sempre in un movie dove i trend diventano tali è Tom Cruise. 

Quindi eccoci, con Risky Business. So che state pensando a Tommy che balla in soggiorno in camicia, mutande e calzini, ma vi fermo subito perché il trend non è quello. Il film è infatti ricordato per un accessorio in particolare: i Ray-Ban Wayfarer sfoggiati da Cruise per tutta la durata del film, che riportarono frizzantezza nelle vendite dell’azienda.

guarda su prime video
Caesar Salad

The Grand Tour

Non è un film. Lo sssssso. Ma se avete del tempo per appassionarvi alla serie The Grand Tour, non ve ne pentirete. È lo specchio della “nostra” Caesar Salad per antonomasia. Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May imbarcati in epiche avventure in giro per il mondo, con auto pazzesche. Fin

guarda su prime video
Food’n Fuel

Ratatouille

Non poteva mancare un cartoon nella nostra lista, e Ratatouiile è quello con la ricetta perfetta. Remy, topolino francese di campagna, si trasferisce nel centro di Parigi, proprio sotto uno dei più lussuosi ristoranti della città, dove lavora il grande cuoco Auguste Gusteau. Grazie a lui verrà in contatto con il mondo dei ristoranti a cinque stelle. Nel cartone animato ci sono anche i motori: Colette, unica donna cuoco del ristorante, è una tostissima motociclista!

guarda su Disney+
Cult

Il Grande Lebowski

Non potevo non chiudere con un filmone cult. E quanto difficile è stato scegliere. Ma visto lo spirito con cui questo articolo è iniziato, ovvero “culi sul divano e sciallanza alè alè”, solo il Grande Lebowski poteva chiudere il cerchio. Il grande Jeffrey “Drugo” Lebowski è un eroe moderno, un animo tranquillo, con uno stile rilassato e un’ aplomb tutta sua. Camicie hawaiane, white russian, amici singolari, pochi sbattimenti nella vita. 

Tranne quando si parla del suo tappeto. Lì cambia tutto. 

Siamo tutti il Drugo, in qualche modo.

guarda su prime video