DEDICATO ALLA XSR 700, FA PARTE DEI PROGETTI FIRMATI YARD BUILT ED È VOLTO A SCOVARE NUOVE TENDENZE E STILI ISPIRAZIONALI. TRA GLI APPASSIONATI PIÙ CREATIVI, ELETTO IL VINCITORE ITALIANO, AUTORE DELLA RD350 TRIBUTE.

Si chiude così la prima parte del contest europeo Yamaha, con una schiera di progetti nazionali realizzati e presentati da semplici appassionati, ognuno dei quali ha sottoposto alla Casa dei tre diapason la propria interpretazione stilistica rivolta alla Sport Heritage XSR700. Per la prima volta infatti, sono stati i motociclisti a dichiarare la propria ispirazione, e lo hanno fatto nero su bianco, attingendo a una serie di spunti e di progetti a partire dal disegno tecnico preimpostato reso disponibile sul sito dedicato all’iniziativa. Nette le regole e ambito il premio: per ogni vincitore nazionale, la soddisfazione di vedere il proprio disegno tramutato in materia, un’operazione che sarà affidata alle mani esperte di noti customizer. Lo scorso 19 marzo è stato annunciato il miglior progetto italiano: a sbaragliare la concorrenza, il disegno di Ugo Coppola che con la sua RD350 TRIBUTE ha voluto rendere omaggio all’iconica 2 Tempi stradale, e più precisamente alla versione prodotta nel ’72.

Per farlo, Coppola ne ha reinterpretato la livrea, con l’arancione e il nero che tracciano un punto di connessione tra i due modelli; e ancora, nel pieno rispetto delle linee guida imposte dal regolamento, l’appassionato ha rielaborato la Sport Heritage adottando una serie di modifiche che includono numerose parti di derivazione Yamaha, tra cui il manubrio a piega bassa e le cover della forcella della MT-07, i gruppi ottici della SCR950, gli specchietti, la sella, le tabelle porta numero e il portatarga della XJR1300 (il supporto di quest’ultima invece è di derivazione MT-09 SP); inoltre, nel disegno compare un nuovo impianto di scarico, con doppio terminale corto, sovrapposto e posizionato in basso. La RD350 TRIBUTE verrà realizzata dall’officina Garage 221 (loro stessi, con il giornalista specializzato Aldo Ballerini e con Cristiano Tasca, designer Yamaha Motor R&D Europe, hanno composto la giuria italiana che ha selezionato il disegno di Ugo Coppola). Conclusa la prima parte di questo contest europeo, “Yamaha Back to the Drawing Board” approderà a in Francia, a Biarritz; in programma la finalissima che andrà in scena sul palcoscenico esclusivo di Wheels & Waves, in calendario dal 10 al 14 giugno prossimi, un testa a testa tra nazioni nel corso del quale verrà eletto il vincitore assoluto.

PAROLA AL VINCITORE

Come proprietario di una XSR700, ho sempre sognato di creare la mia custom. Ho usato molte parti originali di vari modelli Yamaha. Sono stato ispirato da una vecchia Yamaha RD350, con livrea arancione e nera e ho immaginato come potesse fondersi con una XSR700.”

YAMAHA YARD BUILT

Nato nel 2014, è fonte di creazioni stilistiche e nel corso degli anni ha coinvolto alcuni tra i più importanti customizer internazionali allo scopo di proporre nuove tendenze e stili ispirati al mondo special, e allo stesso modo ispiranti per quanto riguarda i modelli prodotti in serie. Tra i più recenti progetti Yard Built, figurano Back to the Future (2018) e Back to the Dirt (2019) , entrambi dedicati alla XSR700, declinata in chiave retro-futuristica nel primo caso e in chiave Anni ’70 e ’80 nel secondo.

DISRUPTIVE by BARBARA MOTORCYCLE

LA YARD BUILT CHE RAPPRESENTERÀ LA FRANCIA ALLA FINALISSIMA DI BIARRITZ.

LE PORTOGHESI

QUESTE TRE YARD BUILT PORTOGHESI SONO ESPRESSIONI TRA LE QUALI VERRÀ SELEZIONATA LA PIÙ VOTATA A RAPPRESENTARE IL PORTOGALLO.