Ci sono almeno tre modi per godersi 20.000 pieghe in moto: si possono affrontare a tutto gas, con il coltello tra i denti, avvicinandosi al proprio limite curva dopo curva con l’elettrocardiogramma che imita il disegno della strada e il polso sintonizzato col grip della gomma sull’asfalto. Oppure, si può guidare veloci e sciolti, con un occhio alla linea e l’altro su tutto ciò che la circonda, navigando il percorso con l’attenzione propria di un rally, ma vivendolo con l’emozione di un’avventura. Infine, si può piegare 20.000 volte per la prima volta, con tutto l’entusiasmo, la carica, le aspettative e l’adrenalina che ciò comporta. 

Qualunque sia l’approccio, una cosa è certa: proponete a un motociclista un’esperienza di tre giorni sui passi più belli d’Italia e vi amerà per sempre.

E allora, perché non farsi amare? Prendete tre bikers di estrazione e con livelli d’esperienza differenti. Fateli salire in sella ad altrettante moto equipaggiate con il rivoluzionario pneumatico super-sport touring Metzeler ROADTEC 02 e dategli l’occasione giusta. Meglio ancora se, manco a farlo apposta, l’occasione in questione si chiama 20.000 Pieghe… Nico, Alex e Andrea (The Bend Team, in codice) saranno i protagonisti di questa experience e ci racconteranno tutto live durante l’evento da tre punti di vista molto diversi. Prima, però, ve li presentiamo. Meglio sapere subito con chi si ha a che fare… 😉

IL TEAM

Nico - The Pro

Nico Bonifacio, 39 anni, è il pro pilot del gruppo. Lavora nella ricerca e sviluppo automotive, si droga e ne va fiero. Avete capito bene, ma state pensando male. La sua droga si chiama Moto! E mescolata sapientemente a una giusta dose di adrenalina, risulta il mix perfetto per chi, come lui, è innamorato delle competizioni. Si può dire con una certa serenità che la pista sia la sua seconda casa. Perché è il luogo più sicuro per mettersi alla prova, certo. Ma anche perché è lontana dall’occhio indiscreto degli Autovelox…

Nico ha partecipato a corse di ogni tipo, crescendo via via di livello. Ha partecipato al Campionato Italiano, poi è arrivato l’Europeo e poi via verso il Mondiale guidando praticamente ogni brand e tipo di moto. Insomma, ha felicemente consumato gomme e benzina su un gran numero di circuiti e asfalti. 

Su strada, manco a dirlo, ha un passato da manico (e maniaco) delle super sportive, ma di recente ha scoperto che esiste anche il panorama… e oggi zonzeggia tra colline e città in sella alla sua Vespa 50 Special. Da circa 8 anni passa anche molte notti in garage. Nico, infatti, sta lavorando al suo sogno: una café racer da utilizzare un giorno insieme al figlio, che intanto sta crescendo. Una “moto di famiglia” che sta modificando e mettendo a punto lentamente, per curarla in ogni dettaglio e tramandare così la sua passione alla prossima generazione.

Alex - The Slick

Alessandro Piccinini, per tutti Alex, ha 37 anni ed è l’uomo Action Sports di Wheelz. Quando non si diverte con noi, fa l’HSE Manager, cioè si occupa di sicurezza ed emissioni (anche se a guardare lo scarico del suo 690 non si direbbe…). Va in moto da quando aveva 6 anni principalmente per “colpa” di papà, che a un certo punto pensò bene di rovinare la sua fedina penale comprandogli un Malaguti Grizzly. Dopo aver “scannato” un povero Hiro 125 per imparare a usare il cambio e mentre sognava un bell’YZ, papà gli dice: “se hai voglia di andare in moto, in garage c’è LEI. Se no, non ne hai voglia abbastanza”.

Ed ecco che LEI diventa la sua prima vera moto: un KLX 650 del ’95. Alex avevo qualcosa come 13 anni ed era alla fine delle medie. Saranno state le botte in testa del monocilindricone con i bassi della sala macchine del Titanic, sarà che, non avendo la pedalina, non poteva farla spegnere per non rimanere senza avviamento, sarà che non è una stanga e ha dovuto imparare a tenerla su senza appoggiare i piedi… Ma a forza di usare un cavallone da 180kg sulle mulattiere, si è innamorato. E quando gli altri volevano il 125, lui sognava il 950 di Meoni, la Dakar e le piste spaccaossa interminabili. 

Poi arriva qualche garetta in 250, quando i duemmezzo erano cattivi ed erano utilizzati al posto della pillola come sistema di controllo delle nascite. Attorno ai 18 si appassiona ai quad, a detta sua “la cosa più scomoda e pericolosa da provare a far decollare dopo il biplano dei fratelli Wright”, poi al downhill e a un’altra lunga serie di sport estremi. Fino a che non ritrova la retta via.

Attualmente guida un BMW K100 “stagliuzzato” e risaldato in casa, un Climber 280, un Transalp 650 e il grande amore della sua vita, un KTM 690 enduro e motard. La moto per lui è divertimento, ma anche quel sottile thrill di guidare una mucca da 200 kg alla velocità più alta possibile in posti dove dovrebbe passare un duemmezzo. È attaccare una all’altra le sequenze di “misto, veloce, scassato, curva, misto e via ancora” col fiatone. E con quel sorriso che solo la moto sa tirarti fuori dall’anima.

Andrea - The Rookie

Andrea Mazzini, il rookie del team, ha 34 anni e vive a Milano. Il suo lavoro è gestire una società di proprietà di un grande gruppo assicurativo, ma il suo cuore batte a ritmo di musica da quando aveva appena otto anni. Eclettico, entusiasta e curiosissimo di natura, è un grande appassionato di storia, politica, cinema e fumetti.

Vi state quindi chiedendo cosa c’entri col mondo delle due ruote? La storia è semplice: a 30 anni improvvisamente un giorno si sveglia con una nuova, bruciante passione. E, come tutte le scintille maturate in età adulta, diventa viscerale e totalizzante in un secondo.

Oggi 4 anni, 3 moto e 100mila km dopo, Andrea sente di dover recuperare tutto il tempo “investito in altro” quando non aveva ancora un motore e una sella sotto il sedere. È sempre, famelicamente a caccia di nuove avventure motociclistiche per poter vedere nuovi posti, conoscere persone diverse e, soprattutto, migliorare la sua tecnica di guida. Insomma, la sua ambizione è potersi sentire presto fiero di condurre degnamente quelli che lui stesso definisce “doni della meccanica”.

IL COMPAGNO DI VIAGGIO INTELLIGENTE: METZELER ROADTEC 02

Nel gruppo, diciamocelo, doveva esserci almeno un tipo pronto a tutto, molto previdente, molto adattabile e dal QI tanto, tanto elevato. Qualcuno, insomma, in grado di far fronte ai prevedibili eccessi di adrenalina dei ragazzi… Ecco perché abbiamo deciso di affidare il nostro Team alle amorevoli attenzioni dei nuovi ROADTEC 02, gli pneumatici super-sport touring intelligenti di casa Metzeler. Sì, certo, siamo ironici, ma non troppo. Perché ROADTEC 02, grazie allo speciale disegno battistrada adattivo, tutte le qualità di cui sopra le ha davvero. Ed è in grado di sfoderarle all’occorrenza in base allo stile di guida del pilota, dando il meglio di sé in ogni situazione, anche metereologica.

La sua versatilità principalmente è merito proprio del battistrada adattivo: quando si guida dolcemente, in andatura turistica, gli intagli lunghi sotto l’impronta garantiscono una rapida ed efficace evacuazione dell’acqua e una corretta mobilità del battistrada, contribuendo ad un warm-up veloce e migliorando di molto comfort e grip. Quando, invece, il ritmo sale e la guida diventa sportiva, le pareti della porzione stretta degli intagli lavorano insieme per incrementare stabilità, grip e precisione delle traiettorie. In più, la nuova generazione di mescole 100% silice sia all’anteriore che al posteriore migliora la tenuta quando l’asfalto è bagnato. E l’uso di mescole simili all’anteriore e sulle fasce laterali del posteriore garantisce una sensazione di contatto sempre omogeneo in ogni fase della piega. Perfino quando le pieghe sono 20.000…

L’OCCASIONE

La 20.000 Pieghe è una “gara di regolarità turistica” con classifica finale, che si svolgerà dall’8 all’11 Giugno su alcune delle più belle strade asfaltate di misto stretto, tra Alpi e Dolomiti. Giunta quest’anno alla sua XV edizione, Il nome dell’evento è già di per sé evocativo e lascia pregustare un’esperienza unica, a metà tra mototurismo e competizione.

Il percorso di circa 1.000 chilometri interamente su asfalto è suddiviso in 3 tappe della durata di un giorno ciascuna. Alle fine di ogni tappa viene creata la classifica del giorno e, alla fine delle tre tappe, la classifica finale determinerà il vincitore assoluto, al quale verrà assegnato il titolo di “MAGNIFICO PIEGATORE”. Già intravediamo il sorrisetto dei nostri eroi…

Il The Bend Team guiderà per ore, scoprendo nuove strade immerse in paesaggi mozzafiato e potrà godere delle bellezze del territorio e della cucina tipica. Ma, soprattutto, Nico, Alex e Andrea potranno mettere alla prova mezzi ed equipaggiamento, sfidando gli altri partecipanti. Come andrà? Saranno proprio loro a raccontarcelo. Stay tuned!

Join the Family!

In viaggio con Metzeler! Fino al 30/06 sconti fino a € 40 aderendo alla promo


scopri le promo