Aperte le candidature a #Rust2Dakar 2020, la prima edizione del charity rally dove chiunque potrà guidare la sua vecchia auto fino a Dakar e lasciarla in Africa per beneficenza.

Rust2Dakar è un charity rally che prenderà il via il 28 dicembre 2020 e terminerà il 10 gennaio 2021. I partecipanti attraverseranno paesaggi mozzafiato e vivranno un’esperienza senza paragoni: dal Marocco, attraversando il Sahara e la Mauritania, arriveranno fino al Lago Rosa di Dakar, in Senegal.

Un’avventura che riprende lo spirito originale della Parigi-Dakar di Thierry Sabine organizzata per dare un aiuto concreto a numerosi progetti umanitari delle due ONG italiane organizzatrici dell’evento.

All’arrivo i team lasceranno i loro mezzi di trasporto: dalle auto alle moto, dai furgoni a veicoli speciali. Le due associazioni Bambini nel Deserto e Tavolo 8 si impegneranno a sfruttare al meglio tutti i veicoli per dare un importante contributo alla realizzazione delle loro iniziative nell’Africa del Nord-Ovest.

Il rally è aperto a tutti gli appassionati di motori e a qualsiasi mezzo su ruote. È essenziale possedere buone capacità organizzative e di adattamento e voler compiere un gesto concreto a favore delle attività delle due ONG organizzatrici. Per scoprire di più sui progetti a favore dei quali verranno usati i contributi dei partecipanti è possibile consultare www.bambinineldeserto.org e www.tavolo8.org.

Le candidature sono ufficialmente aperte. Entro il 15 Agosto si potrà compilare il form di iscrizione direttamente sul sito Rust2Dakar specificando il perché si vuole prendere parte all’evento e con quale mezzo si ha intenzione di partecipare. Tuttavia il rally è a numero chiuso, dunque se realmente interessati è meglio candidarsi il prima possibile.

Come già detto si può partecipare con qualsiasi tipologia di veicolo… basta che abbia le ruote. Per comodità sono state create 7 classi:

VINTAGE: autoveicoli a 2 ruote motrici costruiti prima del 1988.

CLASSIC: autoveicoli a 2 ruote motrici costruiti dal 1988 sino al 1998.

YOUNGTIMER: autoveicoli a 2 ruote motrici costruiti dal 1998 sino al 2012

MODERN: autoveicoli a 2 ruote motrici costruiti dal 2012 al 2020

4×4: autoveicoli 4 ruote motrici di ogni età.

BIKE: motoveicoli a 2 o 3 ruote di ogni età.

SPECIAL: furgoni, autocarri, camion, bus, scuolabus, ambulanze, autobotti, trattori e motocarri, di ogni età.

“Lo scopo del nostro rally, oltre a far vivere un’avventura emozionante ai partecipanti, è il fundraising a favore delle ONG organizzatrici attraverso la consegna del mezzo che i team scelgono di portare a Dakar, ma c’è spazio anche per chi vuole venire con il proprio mezzo e lo vuole riportare a casa. L’evento, inoltre, vuole sensibilizzare i media e i partecipanti sulla condizione di alcune realtà del West Africa” dichiara Davide Virardi, co-founder del rally e presidente dell’associazione Tavolo 8.

Rust2Dakar è un rally senza assistenza meccanica, medica e senza pianificazione delle sistemazioni da parte dell’organizzazione tra un checkpoint e l’altro. Il percorso è libero: l’organizzazione fornisce un roadbook ad ogni checkpoint, con un percorso consigliato. Le strade saranno prevalentemente asfaltate e comunque percorribili con un veicolo 2 ruote motrici o in moto. Lungo il percorso indicato nel roadbook verranno segnalati alcuni interessanti waypoints, verranno fornite delle indicazioni turistiche e, soprattutto, verranno indicati dei progetti di cooperazione che si potranno visitare e con i quali si potrà interagire. Per ogni waypoint che si sceglierà di affrontare e per ogni realtà di charity con la quale si vorrà interagire, si otterranno dei punti validi per la classifica che verrà aggiornata ad ogni checkpoint. La classifica si arresterà all’ingresso in Senegal; l’ultima tappa verso il Lago Rosa sarà percorsa in parata insieme a tutti i team.

I checkpoint prevedono bivacchi organizzati e per la sera del 31 dicembre è prevista una grande festa per festeggiare tutti insieme l’inizio del nuovo anno.

L’intero progetto Rust2Dakar è sostenuto da diversi partner che credono fortemente nella causa: Fondazione Homo Ex Machina, California Racer Garage, Roadbook e Wheelz Mag.

Noi di Wheelz siamo estremamente fieri di essere partner di un evento del genere. Attraverso i nostri canali cercheremo di raccontarvi nel migliore dei modi questa avventura africana.

Bambini nel Deserto

Bambini nel Deserto è un’organizzazione umanitaria che dal 2000 realizza progetti e programmi intervento diretti e concreti nei paesi del Sahara e del Sahel. Oltre 500 progetti sono stati realizzati in tutti gli ambiti della Cooperazione Internazionale. L’associazione opera anche in contesti di emergenze umanitarie, come la lotta alla malnutrizione, sostegno ai profughi e la tutela dei minori.

Tavolo 8

Tavolo 8, da oltre 14 anni, opera nel sud del Senegal e in Guinea Bissau con progetti legati alla sanità delle donne e dei bambini. Ha costruito infrastrutture sanitarie e scolastiche in tutta la regione. Si occupa da anni anche di progetti di micro-credito femminile e imprenditoria etico solidale per la creazione di posti di lavoro e la formazione di giovani donne.

Se volete conoscere di persona il team di Rust2Dakar il prossimo appuntamento sono i Motodadays 2020, a Roma, dal 5 all’8 Marzo.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il nostro sito web rust2dakar.org o scrivere un’e-mail a info@rust2dakar.org. Per restare informati in tempo reale basta seguire i canali social dedicati a Rust2Dakar: Facebook e Instagram.