Sulle strade toscane: lo scorso weekend del 2-3 ottobre abbiamo partecipato alla Volterra Follonica in sella alla Suzuki V-Strom 1050 XT, in un percorso turistico alla portata di tutti e che attraversa le splendide terre toscane, dalla collina al mare.

Il Motoraid Volterra-Follonica è una manifestazione non competitiva di lunga data: vive ormai dal 1985 (in origine Siena – Follonica) e consiste in una due giorni di puro divertimento tra strade bianche e percorsi off road per maxi enduro, quad e specialistiche. 

Ce la siamo presa “comoda” e abbiamo deciso di partecipare alla manifestazione seguendo il percorso turistico per maxi enduro, in sella alla Suzuki V-Strom 1050 XT, crossover versatile per affrontare i tratti asfaltati in piena comodità e le dolci strade bianche toscane con il giusto divertimento. Performante, agile e precisa nella guida su asfalto, ma anche una volta “spogliata” dei controlli elettronici la V-Strom 1050 XT da il meglio di sé, sfoderando un carattere da vera crossover accessibile a tutti, anche se l’impossibilità di escludere del tutto l’ABS richiede un minimo di attenzione nel modulare le prime frenate fuori asfalto.

Nella giornata del sabato 2 ottobre, denominata “Sabato Sprint” e dedicata alle maxi enduro, ci aspettano 70 partecipanti allo start. Seguiamo la traccia gpx su un percorso ad anello, adatto a qualsiasi livello di esperienza e di guida, tracciato dagli organizzatori Massimiliano Cocchetti (Mc Follonica) e Marcello Cinci (Mc Pomarance), su strade bianche immerse in paesaggi mozzafiato, come il suggestivo teatro del silenzio di Lajatico,  e gli imponenti impianti eolici di Santa Luce, per poi rientrare a Volterra nella cornice medievale di Piazza dei Priori, location del parco chiuso per le 430 moto pronte al day 2.

Domenica 3 ottobre si entra nel vivo. Allo start, pronti a dare gas, 350 enduristi, 30 quad e 70 maxi enduro di nuova e vecchia generazione, con la piacevole sorpresa di 20 quote rosa tra tutte le categorie e due percorsi tra cui scegliere: il turistico da 222 km – 30% asfalto 70% fuoristrada – e lo sportivo da 197 km di fuoristrada frecciato, con qualche variante per i quad.

Il percorso turistico della domenica si fa più intenso di quello del giorno prima: attraversiamo 6 comuni e 2 province tra boschi e strade bianche e, dopo la sosta ristoro di metà percorso a Larderello, ripartiamo con un percorso più tecnico e guidato, ma sempre adatto a qualsiasi livello di guida e per il quale è necessario essere dotati di una gomma tassellata per affrontarlo con maggiore serenità. Qui il panorama e la vegetazione iniziano a cambiare, la terra si fa rossa e la temperatura aumenta.

L’odore della salsedine diventa più intenso e, nel giro di qualche chilometro, ci ritroviamo sulla splendida spiaggia di Riotorto (Follonica), dove era designato il punto di arrivo e dove ci aspetta il miglior gadget ricordo di tutta la giornata: una t-shirt con la foto scattata alla partenza stampata sopra.

Una buona birra, foto ricordo sul mare e tanti racconti di una giornata di avventura, con la promessa di ritrovarci al Motoraid Volterra Follonica 2022. 

Testi: Iacopo Tombelli

Foto: Luca Epifani / SF Fotoeventi

 

Ti piace Wheelz?

Supportaci con un caffè!Supportaci con un caffè!