SVELATO IL DESIGN DEL NUOVO 4X4 FORTEMENTE VOLUTO DA SIR JIM RATCLIFFE, PRESIDENTE DI INEOS GROUP CHE ANNUNCIA: “SARÀ UN VEICOLO DUREVOLE E AFFIDABILE PROGETTATO PER AFFRONTARE GLI AMBIENTI PIÙ OSTILI”. IN CORSO I TEST IN VISTA DELLA PRODUZIONE IN SERIE

Che stile il nuovo Grenadier: look spiccatamente british, con una punta di rigore tedesco. Il fuoristrada che inaugura il nuovo brand Ineos si preannuncia più “cool” di quanto ci aspettassimo. Correva l’anno 2017 quando Sir Ratcliffe, presidente di Ineos Group (azienda leader nei settori petrolchimico, dei prodotti chimici speciali e dei prodotti petroliferi, con un organico di 23.000 dipendenti ripartiti in 34 imprese, e una rete produttiva di 183 stabilimenti in 26 Paesi) e appassionato di motori e di avventura intravede l’opportunità di realizzare un veicolo fuoristrada minimalista e robusto, e al tempo stesso in grado di garantire livelli di conformità e affidabilità contemporanei.

“Un vuoto nel mercato e un’opportunità trascurata da diversi costruttori”, afferma Ratcliffe. Nasce così la Ineos Automotive Limited, sussidiaria del Gruppo che raccoglie sotto la stessa bandiera un team di professionisti del settore automobilistico impegnato a tradurre in realtà quella prima visione iniziale, con l’obiettivo di realizzare un 4×4 moderno, razionale e “tecnico”, in cui la sostanza e le funzionalità sono primari rispetto all’apparenza. Ragion per cui, il design che interessa gli esterni, da poco preannunciato, si presenta chiaro e immediato circa il ruolo “tosto” che il nuovo Grenadier reciterà dopo aver superato un piano di sviluppo che include 1,8 milioni di chilometri su strada e in fuoristrada nell’arco del prossimo anno. Progettato da zero, su una piattaforma del tutto inedita (al momento non abbiamo dettagli tecnici ulteriori, né tanto meno indiscrezioni in merito alle motorizzazioni adottate) il 4×4 firmato Ineos è attualmente nella fase di sviluppo in serie; la produzione, afferma l’Azienda, dovrebbe vedere la luce verso la fine del 2021.