MOTORE DA 150 CV, 4 VALVOLE, RAFFREDDATO A LIQUIDO. SOSPENSIONI ADATTIVE, MODALITÀ DI GUIDA PERSONALIZZABILI E CONNETTIVITÀ. UNA RIVOLUZIONE PER LA CASA DI MILWAUKEE; UNA VOCE FUORI DAL CORO, ANZI DUE, TRA LE ADVENTURE TOURING.

Ci siamo quasi, la nuova americana che parla il linguaggio dell’adventure è in dirittura d’arrivo. Anche se è più corretto dire ‘le nuove americane’ perché a tutti gli effetti le Pan America sono due, la “standard” (due colorazioni, 16.300 euro) e la Special (quattro colorazioni, 18.700 euro). Entrambe rappresentano una chiave di lettura inedita per il segmento Adventure Touring: sono voci fuori dal coro e lo sono tanto sotto il profilo del design, davvero caratteristico, quanto per tutti quegli aspetti più legati alla ‘sostanza’, dal motore al telaio e via discorrendo. Facce nuove nell’affollato mondo delle maxi ispirate all’avventura e allo stesso tempo una rivoluzione stilistica e tecnica “in famiglia”, quella di MIlwaukee: sì perché con queste nuove 1250 cc la Casa non solo si smarca in modo netto dal proprio family feeling (l’identità del Bar&Shield è comunque evidente) ma introduce anche nuovi contenuti, sia tecnici che tecnologici. Ma soprattutto, con le Pan America Harley-Davidson ha tradotto a modo suo il concetto di Adventure e lo ha fatto senza scendere a compromessi: differenti, inconfondibili, le 1250 arriveranno nelle concessionarie ufficiali a giugno. 

ELETTRONICA E CAVALLI

A proposito di contenuti, con le Pan America la Casa introduce l’inedito V-Twin raffreddato a liquido: il bicilindrico, con schema a 60°, si chiama Revolution Max. Ha 4 valvole per cilindro, doppio albero a camme in testa, cambio separato a 6 rapporti. Il motore inoltre è parte integrante del telaio, funziona cioè da elemento stressato e le sue forme, pesi e posizionamento caratterizzano il comportamento della ciclistica. Il 1250 cc è accreditato per 150 cv e “frulla” fino a 9.500 giri. A questo si aggiungono tutta una serie di dotazioni tecnologiche che segnano un deciso cambio di passo per la factory di Milwaukee: tra queste, una piattaforma inerziale a 6 assi, modalità di guida differenti, connettività Bluetooth, sistema di navigazione e Adaptive Ride Height, vale a dire un’opzione che agisce sul precarico delle sospensioni, regolando l’altezza della moto allo scopo di mantenere un assetto costante e ottimale su tutti i terreni.

PAN AMERICA 1250 SPECIAL - COSA CAMBIA

Stessa indole e medesime prestazioni, ma la Special ha una vocazione ancora più accentuata e un equipaggiamento di serie ancora più ricco. Rispetto alla versione “standard” il modello Special aggiunge:

  •  Le sospensioni semi-attive
  • Il sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici
  • Il cavalletto centrale
  • Il pedale del freno posteriore regolabile
  • I tubolari paraurti 
  • La piastra paramotore in alluminio
  • Il faro anteriore adattivo
  • I deflettori dell’aria
  • Le manopole riscaldate
  • L’ammortizzatore di sterzo 

Tra gli optional invece figurano l’Adaptive Ride Height e i cerchi a raggi tubeless.

Ti piace Wheelz?

Supportaci con un caffè!Supportaci con un caffè!