Ci sono i marinai anche se non c’è il mare. Ci sono guglie gotiche che conquistano il proprio pezzo di cielo tra i luccichii degli edifici ultramoderni. C’è un enorme, incantevole centro storico e ci sono i quartieri emergenti dei docks, pullulanti di locali, arte, creatività e voglia di futuro. Ma soprattutto, c’è una città che sembra nata per essere vissuta a stile libero. Benvenuti a Bordeaux, nel sud-ovest della Francia, celebre per i suoi vini pregiati e per il Garonna, il fiume che la taglia in due e che l’ha resa uno dei porti fluviali più importanti d’Europa.

Un mix perfetto di dinamismo ed eleganza, con un irresistibile tocco funky.

Tutte qualità che l’accomunano alla protagonista di questo viaggio, la nuova Suzuki Swift Hybrid, l’inossidabile, apprezzatissima e pluripremiata hatchback della casa di Hamamatsu, altrettanto ricca di tradizione, stile, design e innovazione.

Una “petit, mais pas trop petit intelligente, efficace e agile, in grado di rendere divertente persino il traffico in città e ancor più piacevoli le fughe tra i vigneti. Difficile pensare a un’alleata migliore…

Prima di partire con lei dal Renaissance Bordeaux, design hotel ecosostenibile e very very cool affacciato sul fiume, in posizione iper-tattica per chi desidera scoprire il lato più inatteso della città e i suoi dintorni, vale la pena di dedicare un paio d’ore a una passeggiata.

La zona da non perdere è quella del Porto della Luna (il nome ha origine dalla forma dell’ansa che lo ospita) che si estende dal Quai de Bacalan al Quai de Paludate, nel centro della città. Camminando lungo le banchine della Rive Gauche vi troverete immersi in un’opera di riqualificazione pazzesca, veramente suggestiva: gli antichi magazzini in mattoni rossi che un tempo proteggevano le merci in transito sul fiume, oggi sono spazi culturali interattivi e locali di ogni sorta dove poter gustare i piatti più vari, magari accompagnati da un calice del vostro Chateau preferito.

La dritta? Fateci un salto nel tardo pomeriggio: il tramonto è magico. Qui si muovono tutti: in bici, in skate, di corsa… Dinamismo sì, ma rilassato. E in perenne evoluzione.

A proposito di evoluzione, continuano i parallelismi. Questa quarta generazione di Swift resta fedele alle origini nel concetto, eppure si è saputa trasformare nell’essenza. Eredita la sua storia dai modelli precedenti, ma si rinnova nello stile, negli interni e nel cuore pulsante.

Nuovo il frontale, con la griglia a nido d’ape e i fari full LED che la rendono vivace e dinamica. Nuove linee sempre più riconoscibili anche nei suoi profili, grazie alla nervatura laterale, al design dei parafanghi e al tetto “sospeso”. Nuovi anche il paraurti le luci LED posteriori a effetto 3d. Il risultato? Un’armonia inedita, che non stravolge, ma convince a prima vista.

È il momento di mettersi al volante. La prima imponente e avveniristica struttura che ci appare è in tutto e per tutto simile a un enorme, futuristico e metallico decanter. Si chiama Città del Vino, è stata inaugurata nel 2016 e racchiude un museo sull’arte e la cultura del nettare degli Dei, con una serie di percorsi dedicati all’enologia e 20 aree tematiche interattive.

All’interno dell’edificio potete trascorrere un paio d’ore o tutta la giornata, ma c’è un dettaglio che non dovete trascurare per nulla al mondo: il belvedere panoramico sulla città dove poter gustare, ancora una volta, il vostro meritato calice. Per quanto ci riguarda, segniamo in agenda per l’aperitivo…

Ci concediamo un mini-tour attorno all’area pedonale giusto per avere un antipasto della passeggiata serale nel centro storico. “Mettiamo la puntina” su Rue Sainte-Catherine, una delle vie pedonali più lunghe d’Europa, la via dello shopping di Bordeaux un chilometro esatto da Place de la Comédie a Place de la Victoire.

Mi riprometto di ammirare più da vicino la Cattedrale di Saint Andrè e la Basilica di San Michele, due esempi di gotico che, con le loro guglie fiammeggianti, avevano già attirato la mia attenzione dopo la prima occhiata allo skyline della città.

Aggiungo all’elenco anche Place de la Bourse con la sua perfetta simmetria. Resa ancor più spettacolare dall’opera del paesaggista Michel Corajoud, lo Specchio d’Acqua, un sottile strato d’acqua, appunto, che riflette le facciate dei palazzi circostanti, il cielo e le sue nuvole, oltre agli incredibili tramonti che qui sembrano essere una piacevolissima abitudine.

Compilo mentalmente la mia lista di places to go libera da altri pensieri, tanto nel traffico mi aiuta Swift con i suoi sistemi di assistenza alla guida che, tra l’altro, sono stati ribattezzati da Suzuki per strappare un sorriso: c’è l’Attentofrena, che grazie a un radar a onde millimetriche e alla telecamera monoculare rileva veicoli, biciclette e pedoni di fronte a noi e consente di mitigare il rischio di collisioni frontali, diagonali e laterali. Se viene rilevato un ostacolo, un segnale acustico e visivo avvisa il conducente. In più, in caso di frenata insufficiente, si attiva in automatico l’assistenza alla frenata.

Il Guidadritto, ovvero il lane keep assist, mantiene l’auto al centro della corsia quando il cruise control adattivo è attivo. E se rileva un ostacolo agisce sullo sterzo per aiutare a evitarlo.

E c’è il Guardalastrada, che tiene d’occhio il livello di attenzione di chi guida grazie a una telecamera integrata, evitando distrazioni eccessive o colpi di sonno. Insomma, la nuova Swift pensa quasi a tutto (ci sono anche Occhioallimite, Guardaspalle, Vaipure, Nontiabbaglio, Partifacile e Failafila che non vi racconto, ma solo perché so che siete sufficientemente intuitivi).

È il momento di dirigerci fuori città. Prima però buttiamo il naso a nord, nel Quartiere dei Chartrons, una sorta di Marais parigino dove negozi trendy e boutique alla moda si mescolano ai profumi del gelsomino e del glicine che impreziosisce la facciata delle botteghe di antiquariato.

È il paradiso del vintage, tra mercatini dell’usato e negozietti di modernariato. Ci sono birrerie artigianali très hipster e atelier di designer emergenti, oltre a ristoranti etnici di tutte le culture e pasticcerie gourmet. Ritmo, moda (ma quella giusta), ricerca. Questa è davvero la Bordeaux che non ti aspetti…

Imposto la prossima destinazione sul navi integrato della Swift: il display da 9” è chiaro, ha grafiche nitide e la riposta al tocco è precisa e veloce. Il sistema di infotainment permette di collegare lo smartphone (Apple CarPlay® e Android Auto™) tramite Wi-Fi e USB. È dotato inoltre di riconoscimento vocale, puoi riprodurre le tue playlist via Bluetooth® e visualizza anche informazioni sullo stato del veicolo.

Mentre guido tra campagne e vigneti lasciandomi la città alle spalle mi godo gli interni. Il cruscotto è driver oriented, cioè leggermente angolato verso chi guida per facilitare l’accesso a tutti i comandi. Estetica e finiture strizzano l’occhio a uno stile sporty-chic e lo spazio è curato e confortevole.

Guidare la nuova Swift Hybrid è un piacere. Il motore ibrido benzina 3 cilindri Z12E è un 1.2 completamente nuovo. È studiato per offrire un’efficienza termica maggiore e minori emissioni, con un sacco di coppia ai bassi regimi che le permette un’ottima reattività. Al motore termico è abbinato un sistema ibrido 12 volt che ne migliora le prestazioni.

Swift Hybrid, con il suo cambio manuale a 5 marce, non annoia neanche un po’, è divertente da ogni punto di vista e permette una guida “allegra con brio” senza pensieri, ideale per godersi strada e panorama in scioltezza. E, arrivando alla nostra destinazione sulla riva sinistra di Bordeaux, ammirare il panorama è praticamente obbligatorio.

Immaginate ettari su ettari di vitigni distesi a perdita d’occhio su una pianura sonnecchiante, calda e limpida, interrotta solo da piccoli borghi in pietra, tenute curatissime e chateau centenari.

Ci troviamo nel cuore della denominazione Margaux e quello gestito dallo Château Giscours nel comune di Labarde è un terroir di 300 ettari, il cui fiore all’occhiello è un vigneto eccezionale di 95 ettari, con viti piantate per la prima volta nel XVI secolo. Il clima temperato della zona, il sole e la vicinanza del fiume Garonna sono le condizioni ideali per lo sviluppo dei vigneti. Ed è qui che nascono le eccellenze.

La “petit, mais pas trop petit” Swift ci riporta alla base giusto in tempo per stappare un’eccezionale bottiglia di Grand Vin di Château Giscours e assaporarlo a motori spenti, di fronte a un ineguagliabile tramonto: simile a ieri, diverso da domani. Pensandoci, potrebbe diventare il motto di casa Suzuki…

Tutte le informazioni utili per visitare Bordeaux e dintorni sono qui. Bon voyage!

Nuova Suzuki Swift Hybrid in pillole

Anima funky e carattere dinamico

Nuova Swift Hybrid mantiene il design e le proporzioni iconiche delle generazioni precedenti, ma adotta forme inedite. La carrozzeria compatta è lunga 3,86m e ha una personalità decisa e riconoscibile. Il peso? Very light: 994 kg in ordine di marcia.

Nuova geometria per le sospensioni con barra di torsione di diametro maggiore e rivestimento in teflon delle boccole del sisma sterzante, che si traduce in un'ottima risposta dello sterzo e un miglior comportamento in curva, per garantire stabilità e comfort.

Nove le opzioni cromatiche monocolor, più quattro bicolor, tra cui due novità assolute: il Verde Hawaii e il Blu Oceania, entrambi metallizzati e a effetto candy, che si aggiungono al Rosso Cordoba metallizzato già presente in gamma.

La nuova Swift Hybrid è dotata di sistema SUZUKI CONNECT (gratis per i primi 3 anni) per essere sempre connessi tramite app alla propria auto. Tra le funzioni segnaliamo:

· Notifica di stato del veicolo (porte, luci, consumo/autonomia)
· Localizzazione parcheggio
· Cronologia di guida
· Avviso di geofencing e coprifuoco
· Notifica antifurto
· Diagnosi remota
· Manutenzione periodica / Notifica campagna di richiamo

IL PREZZO?
Ecco il listino della nuova Swift Hybrid 1.2 Top:
· 2wd cambio manuale: € 22.500
· 2wd cambio CVT: € 24.000
· 4wd cambio manuale: € 24.500

Tutti i prezzi sono chiavi in mano IVA inclusa, IPT esclusa. Per le vernici metallizzate (escluso Arancione Amsterdam) + € 550€ IVA inclusa. Per le vernici metallizzate bicolor + € 950€ IVA inclusa.

Suzuki offre di serie e gratuitamente per tutte le vetture di nuova immatricolazione il servizio Suzuki 3 Plus che include:
· 3 anni o 100.000 km di garanzia (5 anni sui componenti del sistema ibrido e batteria al litio)
· 3 anni di assistenza stradale “Suzuki Road Assistance”
· 3 anni di controlli gratuiti
E se vuoi stare più tranquillo, ci sono i paccchetti aggiuntivi:
· Suzuki Smile – Estensione di garanzia che porta la copertura a 5 anni o 150.000 km
· Suzuki Smile – Pacchetti di manutenzione per acquistare un pacchetto da 3 o 5 manutenzioni, programmate secondo le tempistiche indicate dalla casa, da usare in qualsiasi concessionaria e riparatore autorizzato Suzuki in Italia.

TUTTE LE INFO QUI!